per una nuova cultura della comunicazione

comuniconline

This is a single blog caption

Una scuola che non boccia è una scuola marcia

Tutto quello che è comodo è stupido, scrivetelo nella camera dei vostri ragazzi. E una scuola che non boccia è una scuola marcia. Lo psichiatra Paolo Crepet parla dei danni che gli adulti e la scuola fanno ai nostri ragazzi.

“Una scuola che non boccia è una scuola marcia. Un quattro in un’interrogazione è per uno studente un’esperienza mistica. E invece…”. E invece “stiamo costruendo una società in cui gli adulti vogliono il male di coloro che hanno messo al mondo. La vera trasgressione oggi è studiare, fare le cose fatte bene”. E invece? E invece “un professore universitario mi ha appena detto che i libri di più di 400 pagine non devono passare. Vuol dire che abbiamo già detto ai nostri figli che non ce la faranno mai”. Non usa mezzi termini lo psichiatra Paolo Crepet, durante la presentazione del suo ultimo libro intitolato “Il coraggio”, edito da Mondadori, per descrivere la gravissima situazione in cui versano le più giovani generazioni.

l coraggio è quello che tutti, genitori e insegnanti dovrebbero oggi avere, quello di credere in sé stessi, nei propri figli e nei propri allievi, il coraggio che devono insegnare loro per superare le difficoltà di ogni giorno fuori e dentro la scuola, per affermare le proprie idee e le proprie vocazioni, la propria libertà e autonomia, per non rinunciare ai propri sogni e costruire la giusta dose di autostima.

Perché coraggio significa agire sapendo che la propria fiducia nel successo è molto più forte della paura del fallimento. Un insegnamento importante per tutti coloro che hanno a cuore il proprio ruolo di adulti e il destino degli adulti di domani. E invece? “Ho scritto questo libro – spiega Crepet– perché sono molto preoccupato. Seriamente preoccupato di questo mondo, di questa terra. Basta andare indietro di una generazione e mezza: pensare al coraggio delle donne e degli uomini che sono riusciti a tirar su l’Italia e le aziende, quando al mercato nero non c’erano nemmeno le patate. Ora che ci siamo riempiti lo stomaco di tortellini le cose sono cambiate.

A un certo punto si è cominciato a pensare che andava bene cosi, che è meglio sdraiarsi e vedere sdraiati i figli sul divano, tanto abbiamo tutto il necessario”. E’ cambiata l’educazione. “Una volta c’erano i genitori inflessibili ed erano diffuse le sberle anche quelle preventive, io stesso ne presi una bella collezione, poi s’è fatta largo una melassa, un’educazione liquida basata sul fà come ti pare, sul se lo fai, bene, altrimenti è uguale”. Crepet sa di toccare le corde delle centinaia di persone che affollano il Forum Monzani di Modena, pieno all’inverosimile com’è facile che succeda ogni volta che ad affacciarsi sulla scena pubblica è uno psichiatra. Roba da preoccuparsi sul serio. Succede oggi e tante altre volte con Crepet, succede con Vittorino Andreoli. La collettività sembra ormai psichicamente ammalata, “milioni di persone si alzano al mattino prendendo l’antidepressivo”, racconta Crepet, “e vanno a letto con le benzodazepine”. Sa di toccare le corde e va sul sicuro, lo psichiatra.

Come un pugile, riempie di montanti l’avversario ma l’avversario applaude, quasi voglia sentirsi dire le cose che sa già per poterle metabolizzare e dimenticare. I pazienti non vogliono cambiare, dirà più avanti lo psichiatra, “sono venuto qui da lei solo per sfogarmi, cambiare la mia vita è faticoso, mi dicono i pazienti quasi sempre”. E lui insiste: ma se voi sapete che ho ragione io e cioè che la Costituzione obbliga sì i genitori a mantenere in vita i figli ma non li obbliga certo a regalare tutte quelle cose che ora invece vi apprestate a regalare a Natale, né li obbliga a dare i soldi al figliuolo per andare a Ibiza con gli amici mononeuronici come lui, o per ubbriacarsi di spritz la sera fino a finire al pronto soccorso, né la Costituzione vieta ai genitori di togliere il telefonino e internet quando non c’è reciprocità, e allora perché continuate a fare tutte queste cose? Io faccio una cosa per il ragazzo solo se il ragazzo fa qualcosa per sé.

Altrimenti, cari signori, è come insegnare che nella vita tutto si può pretendere e nulla si deve dare”. Applausi. Il pugile colpisce, il pubblico applaude. “Se i vostri genitori vi hanno insegnato questo, per l’amor di Dio rispondete a questa domanda: come mai avete smesso di farlo con i vostri figli? Siete sul serio contenti di finanziare gli spritz e la marijuana ai vostri figli? Non sappiamo fare altro? Paghiamo perché camminino a quattro zampe, perché arrivino in coma etilico al pronto soccorso? Vogliamo questo? Il coraggio è quello di togliere, non quello di aggiungere”. Togliere, il nuovo verbo di una possibile rivoluzione culturale e antropologica. “Se a un ragazzino dai tutto, gli hai fatto un danno gravissimo, gli hai tolto il desiderio. Come fai a desiderare quello che hai? Come fai a non crescere depresso? La vita va scoperta. I bambini e i ragazzi sono iperprotetti, e invece devono sperimentare il dolore, le cadute, le delusioni, le frustrazioni”.

E invece? E invece “in tutti gli asili abbiamo fatto pavimenti antitrauma. Ma perché un bambino deve rimbalzare? Avete un problema con il bernoccolo? Il bernoccolo non è un problema, è anzi opportuno avere il bernoccolo! Occorre cadere dalla bici da piccoli, altrimenti la prima volta che cadi giù a trent’anni ti ammazzi”. E’ una società che angoscia i ragazzi con le angosce che gli adulti hanno per i problemi dei figli. “Ma lasciateli vivere, questi ragazzi. Li ricattate perché li volete far stare in casa con voi a costo che siano sempre interconnessi. Spingeteli ad andare via, a viaggiare, bisognerebbe vedere gli aeroporti pieni di ragazzi e invece sono pieni di anziani. Spingeteli a studiare all’estero, magari scopriranno che i professori hanno tutti un cognome diverso, che non si eredita. Spingeteli a essere curiosi, a voler morire curiosi, a studiare, la vera trasgressione è studiare”. Ci sono tre milioni di ragazzi con meno di trent’anni che non studiano e non lavorano. “Se pensate che saranno in grado di competere in un mondo globalizzato siete degli illusi. Ci sono migliaia di imprenditori terrorizzati all’idea di lasciare la propria azienda di successo ai propri figli, perché sono sicuri che la distruggeranno in poco tempo”.

Non poteva mancare il riferimento alla scuola. “Il 99 percento dei ragazzi agli esami di maturità sono promossi. Cosa puoi fare per essere bocciato? Qualcuno ha un’idea? Non studiare non basta. Un quattro è un’esperienza mistica. E’ un’esperienza meravigliosa. Una volta presi uno. Uno. Mio padre mi stupì. Uno? Beh, fantastico, hai preso più di zero, ma vedi un po’ di recuperare quell’uno se no per te sarà un Vietnam: ciao, ciao ciao. Certo, non sono diventato un matematico, ma vi assicuro che quell’ammonimento mi servì. Una scuola che non boccia è una scuola marcia. Una scuola che insegna il principio che siamo tutti uguali insegna una grande bugia. Uno vale uno? E’ una sciocchezza. Non siamo tutti uguali. Il merito non si acquisisce in cinque giorni. Dov’è il coraggio nel dire che tutti sanno tutto e parlano di tutto? La vera trasgressione è studiare. Fare le cose fatte bene”.

E invece? E invece “non sopportiamo neppure che i nostri ragazzi possano avere il dolore. È importante la malinconia. La malinconia non è il dramma della vita. Quelli che ridono in continuazione semmai sono dei perfetti imbecilli”. E le regole? Il rispetto delle regole e della buona convivenza? Per Crepet un adolescente che non sia inquieto è molto inquietante. Non è sbagliato del tutto non riuscire a stare nelle regole. Essere dei fuoriclasse tante volte significa stare davvero fuori dalla classe. “Stare fuori dalla classe è un posto scomodo ma molto utile”, precisa Crepet che riprende il caso di Laszlo Birò che negli anni ’40 inventò la penna a sfera osservando dalla finestra i compagni che giocavano a biglie e che non lo facevano mai giocare. Le palle entravano e uscivano dalle pozzanghere lasciando dietro di sé una scia. Solo un talento, un fuoriclasse, un osservatore poteva vedere in quelle immagini visionarie la penna a sfera che avrebbe cambiato l’umanità. Come Steve Jobs, abbandonato dai suoi genitori, poi ritrovatosi in un garage con pochi dollari e un’idea geniale fatta di icone.

“Altro che raccomandazioni e fortuna come sento lamentarsi tanti genitori: quale raccomandazione ebbe Birò e Jobs? La loro molla fu la rivalsa: non mi fate giocare e io qualcosa mi inventerò per farmi valere. Era il 1947 e voi oggi che cosa state facendo ai vostri ragazzi? Guardate ai risultati. Volete la società senza sognatori e senza visionari. Abbiamo ucciso l’ambizione quasi fosse un male. Ma se siamo qui è perché ci sono stati dei visionari. La verità è che tutto quello che è comodo è stupido. Scrivetelo nella camera dei vostri ragazzi e magari anche nella vostra. E dite ai vostri figli che se si iscrivono nell’università più vicina anche questo è stupido. Le cose semplici non sono le cose migliori che abbiamo fatto nella vita. La tua vita, caro ragazzo e cara ragazza, non è una maglietta da 9 euro e novanta che dopo tre lavaggi in lavatrice la puoi buttare. La tua vita è un vestito di Valentino fatto apposta per te.

La tua vita è grande”. Come quella dell’amico Renzo Piano. “Renzo Piano mi ha raccontato che da piccolo saliva sul terrazzo del suo condominio, dove le donne portavano il bucato ad asciugare, per guardare l’infinito, nascosto dagli altri condomini che ostacolavano la vista. E mentre lui da piccolo guardava l’infinito, voi invitate i vostri figli a guardare il mondo in un tablet, idea esplicitata anche alla ministra dell’istruzione in una delle sue tante uscite? Ma io dico, se ha vinto Renzo Piano guardando l’infinito dal terrazzo all’ultimo piano, e voi lo sapete che ha vinto lui, mi spiegate perché mai ai vostri figli fate vedere il mondo dentro quegli aggeggi che vi apprestate a regalare a Natale?”

La verità è che vogliamo male a chi abbiamo messo al mondo. “Già da quando gattonano – conclude Crepet – risolviamo loro tutti i problemi. La verità è che li ricattiamo perché vogliamo che se ne stiano con noi, anche se interconnessi. Insegniamo invece ai nostri ragazzi che vadano in giro”. Non diciamo più ai nostri figli che all’estero c’è brutto tempo e che si mangia male “perché il meglio per i nostri figli non possono essere il meteo.it né tripadvisor per le serate al ristorante”.

189 Responses

  1. fantastic issues altogether, you simply gained a emblem new reader.What could you recommend in regards to your submit that you simply made a fewdays in the past? Any certain?

  2. 👉 ไม่ต้องฝากก่อน👉 ไม่ติดเทิร์น เล่นได้ถอนไปเลย👉 ฝาก – ถอน ระบบAUTO👉 รับยอดเสีย 5 ทุกวันที่5 ของเดือน😍😍 🎰สล็อต ♠️บาคาร่า 🎮เกมส์ 🐳ยิงปลา ♦️ป๊อกเด้ง ⚽️ฟุตบอล 🥊มวย 🎱หวย 🎲คาสิโน⌨ มีแอดมินดูแล24ชม. ไม่มีโกง $ สบายใจตลอดการเล่น$💸💸💸💸💸

  3. Im no pro, but I believe you just made the best point. You definitely comprehend what youre talking about, and I can actually get behind that. Thanks for being so upfront and so sincere.

  4. Nice post. I was checking constantly this blog and I am impressed!Extremely helpful info specially the closing section 🙂 I handle such information a lot.I was looking for this particular information for a very long time.Thank you and best of luck.

  5. Heya! I’m at work surfing around your blog from mynew iphone 4! Just wanted to say I love reading through your blog and lookforward to all your posts! Keep up the fantastic work!

  6. This is very interesting content! I have thoroughly enjoyed reading your points and have come to the conclusion that you are right about many of them. You are great. pitbull puppies for sale

  7. You can definitely see your enthusiasm within the work you write. The arena hopes for even more passionate writers such as you who aren’t afraid to mention how they believe. At all times go after your heart.

  8. Hey! I could have sworn I’ve been to this bllog before but after readingthroough some of the post I realized it’s new to me. Anyways,I’m definitely happy I found it and I’ll be book-marking aand checking back often!

  9. I do believe all the ideas you have presented on your post.They’re really convincing and will definitely work.Still, the posts are very brief for beginners. May you please extend them a bit from subsequent time?Thanks for the post.

  10. fantastic issues altogether, you just won a logo new reader.What could you suggest in regards to your submit that you just madesome days in the past? Any certain?

  11. hello!,I love your writing very much! share we keep in touch more approximately your article on AOL? I need an expert in this house to solve my problem. Maybe that’s you! Looking ahead to peer you.

  12. What’s Going down i’m new to this, I stumbled upon this Ihave found It positively helpful and it has aided me out loads.I hope to give a contribution & help different customers like itshelped me. Good job.

  13. Oh my goodness! Awesome article dude! Thanks, However I am having troubleswith your RSS. I don’t know why I can’t join it. Is thereanyone else getting the same RSS problems? Anybody who knows thesolution can you kindly respond? Thanx!!

  14. Xoilac Tv Thẳng Bóng Đá kèo nhà cái 1 chấm netĐội tuyển chọn futsal nước Việt Nam đã có một trận đấu đồng ý được trước đối thủ đầy sức mạnh Lebanon. Kết trái Bà Rịa-Vũng Tàu vs Bình Phước hôm nay 18h00 ngày 5/5, Hạng nhất nước Việt Nam.

  15. จึงควรยอมรับสารภาพว่าคาสิโนออนไลน์ เป็นช่องทางการเดิมพันที่ทั้งยังสะดวกและไม่มีอันตราย UFABET ที่ได้รับการยอมรับอย่างมากมายจากสาวกพนันออนไลน์ว่าจ่ายจริงจ่ายเต็ม ทำเงินได้จริง ที่สุดของเว็บคาสิโนออนไลน์ควรต้อง UFABET

  16. Greetings! This is my first visit to your blog! We are a group of volunteers and starting a new project in a community in the same niche.Your blog provided us useful information to work on.You have done a extraordinary job!

  17. Heya i’m for the first time here. I came across this board and I findIt truly useful & it helped me out much. I hope to give something backand aid others like you aided me.

  18. F*ckin’ amazing things here. I am very satisfied to see your article. Thanks so much and i am taking a look ahead to contact you. Will you kindly drop me a mail?

  19. Aw, this was a really good post. Taking the time and actual effort to make a superb article… but what can I say… I put things off a lot and don’t seem to get anything done.

  20. Hey! This is my first visit to your blog! We are a group of volunteers and startinga new initiative in a community in the same niche. Your blog provided usvaluable information to work on. You have done a wonderfuljob!

  21. Hey There. I found your blog using msn. This is an extremely well written article. I will be sure to bookmark it and return to read more of your useful information. Thanks for the post. I will certainly comeback.

  22. Aw, this was an exceptionally nice post.Spending some time and actual effort to generate a great article… butwhat can I say… I procrastinate a whole lot and don’t seem to get nearly anything done.

  23. A motivating discussion is worth comment. I believe that you need to write more on this subject matter, it might not be a taboo subject but usually people do not discuss these topics. To the next! All the best!!

  24. Hi there i am kavin, its my first time to commenting anywhere, when i read this paragraph i thought i could also make comment due to this brilliant piece of writing.

  25. An intriguing discussion is worth comment. I think that you should publish more on this topic, it might not be a taboo matter but typically people don’t discuss these subjects. To the next! Many thanks!!

  26. Aw, this was an extremely good post. Spending some time and actual effort to generate a good article… but what can I say… I hesitate a lot and never manage to get anything done.

  27. Oh my goodness! Incredible article dude! Thanks, However I am encountering issues with your RSS. I donít know why I cannot join it. Is there anybody else getting identical RSS issues? Anyone that knows the solution will you kindly respond? Thanx!!

  28. I have fun with, result in I discovered just what I used tobe having a look for. You’ve ended my four day lengthy hunt!God Bless you man. Have a nice day. Bye

Leave a Reply