per una nuova cultura della comunicazione
 

 
   

 

Lo spazio del lettore
di Sara Poloni

Se chiudo gli occhi e ripenso alla mia infanzia, le immagini si sovrappongono in un turbinio di emozioni contrastanti.

Per piacere, provate per un istante a chiudere gli occhi anche voi...Provate a pensarvi in un pomeriggio di ritorno dall'asilo...

L'immagine che mi appare davanti agli occhi e' quella di una piccola bambina dai capelli scuri e lisci...e' seduta sulla moquette a gambe incrociate, nella manina destra ha un succo di frutta e nell'altra una merendina. Non sono pero' questi dettagli a colpirmi. No. Sono gli occhi. Occhi grandi e scuri (mamma, sei sicura che non mi avete adottata?!!!). Occhi sognanti, rapiti da emozioni che corrono attraverso un cavo e un monitor. Davanti a lei ci sono tutti i suoi amici, tutti quelli che le tengono compagnia e che la fanno ridere quando si sente triste. Loro sono i suoi miti, sono immortali, a loro non puo' mai succedere niente di male. Cadono nei burroni ma si rialzano, si schiantano contro i muri ma ricominciano a saltellare, finiscono abbrustoliti da una bomba ma subito la loro pelliccia e' morbida come prima...Sono loro che vincono, sono loro che sono invincibili. Sono loro che riescono a non arrendersi mai, sono loro che si rialzano sempre dopo aver preso le padellate in testa. E sono loro che lei ama. Perche' hanno forza, una forza incredibile dentro di loro che li fa continuare contro tutte le avversita', che li fa correre dietro ai loro sogni, sia che essi siano mangiarsi un velocissimo Biip-Biip, sia che si tratti di catturare un canarino dispettoso o riuscire ad eliminare un coniglio mangiacarote. Sono loro che in ogni puntata che si sussegue arrivano sempre al "the End" con mille ammaccature. Ma non sara' di certo una bomba della ACME, o un treno imprevisto o una vecchietta armata di scopa a fermarli. Mai. Perche' loro vivono di sogni da inseguire ogni giorno, con un desiderio sempre maggiore, con un'accanita forza di volonta' che fa loro trovare nuove strade, nuove armi, nuovi stratagemmi per sconfiggere un nemico che per questioni di copione arrivera' alla fine della puntata incolume e applaudito dalla folla. Ma quella bambina dai grandi occhi neri non li vuole come amici, vuole solo un eroe che cade e si rialza ridendo. Un eroe che ricomincia piu' veloce di prima, piu' sicuro, piu' convinto. Se ora aprite gli occhi potrete fare la conoscenza di quella bambina di tanto tempo fa: ho ancora i capelli scuri e gli occhi grandi, ma soprattutto ho conservato dentro di me un grande insegnamento che dei piccoli animaletti animati mi hanno regalato in tutti questi anni in cui l'appuntamento era alle 4.00 davanti al televisore: mai abbandonare un sogno, qualsiasi imprevisto ti si presenti davanti, sia esso piccolo o all'apparenza insormontabile...mai arrendersi, anche quando le cose mutano improvvisamente e tutto si stravolge sotto gli occhi. Che tu sia un coyote, o un gatto bianco e nero, o il personaggio piu' sfigato del tuo cartone animato, alza le antennine e annusa l'odore del cambiamento, perche' sara' questa grande capacita' a darti ogni mattina la forza di alzarti e infilarti i pattini per inseguire il tuo sogno.

home | chi siamo | rivista | libri | corsi | archivio | blog | scrivici

 

Copyright 2005 Comunico sas - Tutti i diritti riservati Web hosting e web design by Graffiti2000.com