per una nuova cultura della comunicazione
 

 
   

 

Formatore: una professione dai contorni poco definiti

"Chi sa, sa, chi non sa, insegna" Per anni questo facile slogan ha fatto arrabbiare gli operatori della formazione, i quali hanno condiviso questo genere di battute con varie altre professioni intellettuali. Fare il giornalista e' molto duro - diceva Luigi Barzini junior - ma e' pur sempre meglio che lavorare. Al di la' delle facili battute e delle facili ironie quella del formatore e' una professione difficile da identificare e da comprendere. Come si articola l'offerta formativa? Come si definiscono i profili professionali? Quanti sono in Italia i formatori? Quali"tipi" di formatore esistono e con quali caratteristiche? Esiste l'AIF, l'associazione italiana formatori, che dovrebbe riunire tutti coloro che operano in questo settore e che conta qualche centinaio di iscritti, ma sono solo questi i formatori in Italia? Quali sono i requisiti conoscitivi e di esperienza ritenuti essenziali dal mercato? Le risposte a questi interrogativi sono tantissime e interessano le aziende, i professionisti, e, soprattutto i giovani. Comuniconline invita ad uno scambio di opinioni su questo tema, ne potrebbe nascere un interessante dibattito!

home | chi siamo | rivista | libri | corsi | archivio | blog | scrivici

 

Copyright 2005 Comunico sas - Tutti i diritti riservati Web hosting e web design by Graffiti2000.com