per una nuova cultura della comunicazione
 

 
   

 

Facite ammuina
di Claudio Maffei

Dalla collezione de' regolamenti della Real Marina anno 1841
All'ordine facite ammuina tutti chilli che stanno a prora, vann'a poppa e chilli che stann'poppa van'1a prora; chilli che stann' a dritta vann' a sinistra e chilli che stanno a sinistra vanno a dritta; tutti chilli che stanno abbascio vann' ncoppa e chilli che stanno 'ncoppa vann'abbascio, passann' tutti p'o stesso pertuso; chi nun tiene nient'a ffa, s'aremeni a 'cca e a 'lla. Da usare in occasione di visite a bordo delle alte autorita' del Regno.  
 
 
Globalizzazione, digitalizzazione, finanziarizzazione e-business, e-commerce, new-economy. Fino ad ora in Italia si e' fatta soltanto "ammuina". C'e' confusione nelle teste e nei ruoli delle persone. Non ci sono piu' confini, tutti fanno tutto, sembrano caduti i confini anche fra i clienti e i fornitori. Un neologismo e' stato creato in questi ultimi anni "Glocalizzazione" si intende il globale piu' il locale. E' molto difficile muoversi in un mondo che da' grande importanza a tutti e due questi termini. Mercato globale, mancanza di confini e persone che vogliono sempre piu' l'abito su misura, l'auto su misura. Forse qualcuno, in passato, aveva pensato alla globalizzazione come standardizzazione, non e' cosi'. La vera rivoluzione di questo millennio e' nella personalizzazione dei messaggi, dei prodotti, dei gusti, dei contenuti. In effetti, il cliente, da' la massima disponibilita' per collaborare con il fornitore perche' quest'ultimo personalizzi sempre di piu' la sua offerta. Facciamo un esempio Se io amo il blues texano posso individuare, via Internet, alcuni siti in cui vengono venduti i CD riguardanti questa musica e chiedere loro di segnalarmi qualunque nuova uscita. Quindi sono io a chiedere al fornitore di "disturbarmi" con la sua pubblicita'. Una volta si pensava che l'offerta creasse il bisogno nei consumatori. Non e' piu' cosi'. Sempre piu' spesso la domanda crea l'offerta. Nella vecchia economia, tutto quanto era toccabile, solido, hard. Nella new-economy tutto e' a distanza di un clic. Renato Soru fondatore di Tiscali parla di "sogno": "Internet e' devastante in senso positivo, ha stravolto pure i fondamenti fisici: non conta il tempo, da quanto sei nel campo, ma la velocita' a capire il nuovo; non conta lo spazio, ma essere connesso in rete; non conta il capitale, ma il vero valore e' il cervello umano". Lavorare in questo mondo e' come fare rafting sulle rapide dei fiumi, non si puo' pianificare, bisogna sterzare molto velocemente. Prima le grandi aziende erano delle enormi portaerei. Oggi devono somigliare sempre di piu' a flottiglie di motoscafi da corsa. La grande abilita' non e' tanto quella dei singoli piloti, quanto quella del capo flottiglia, il regista. In una ricerca presentata da Confindustra poco tempo fa, sono emersi i seguenti cinque punti fondamentali che caratterizzeranno i prossimi anni nel mondo del business.
1. apprendimento di nuove competenze digitali (ogni manager fara' a meno della segretaria)
2. consapevolezza e riduzione dei costi
3. l'offerta e' determinata dalla domanda
4. attenzione al cambiamento (chi sono i nostri clienti? chi i nostri concorrenti?)
5 .integrazione fra nuova e vecchia economia.
Quest'ultimo punto in particolare dovrebbe far riflettere gli imprenditori italiani. A livello europeo e mondiale, infatti, dobbiamo constatare che gli altri vanno piu' veloci e che noi continuiamo a perdere in competitivita'. Il business e' la velocita' del pensiero, ha detto Bill Gates; non possiamo continuare a fare "ammuina". 

home | chi siamo | rivista | libri | corsi | archivio | blog | scrivici

 

Copyright 2005 Comunico sas - Tutti i diritti riservati Web hosting e web design by Graffiti2000.com