per una nuova cultura della comunicazione
 

 
   

 

Le bandiere e le mollette
di Annamaria Anelli

Le bandiere stese ai balconi con le mollette mi fanno pensare a noi. Sono il simbolo di cosa pensiamo tutti i giorni, di cosa proviamo. Un misto di interesse per ciò che accade nel mondo e di sguardo al cortile di casa.

Sì, ci interessa che i bambini in Afghanistan muoiano di fame ma firmare gli appelli di Emergency... Sì, non ci va un'altra guerra ma esporre la bandiera al balcone... beh se lo fa il mio vicino... e poi messa una arrivano le altre. Insomma misuriamo un po' il mondo con il centimetro di casa: quello che vedo, quello che capisco, quello che mi spiegano. Più in là non so.

Sì, appendo la bandiera della pace alla mia finestra ma con le mollette. Un pensiero al mondo e uno alle faccende di casa. Per dire "mi interesso ma con garbo". Vorrei capire come si fa ad estendere la soglia di questo garbo. Quando firmi l'appello? Quando scendi in strada? Quando smetti di andare al lavoro in occasione degli scioperi generali?

Le bandiere stese con le mollette mi fanno pensare ad una casa in cui i figli vanno alla manifestazione del 1° maggio ma dopo devono andare a pranzo dai nonni "che non li vedete dalla messa dello zio"; ad una casa in cui la mamma lava la bandiera prima di stenderla "perché era sporca" e così ha i colori un po' sbiaditi. La pace fatta in casa, ecco. Cosa c'entra la politica, guarda che a me quel bertinotti non mi piace, cofferati fa i suoi interessi; no tu a roma non ci vai...

Le bandiere stese con le mollette mi stringono il cuore perché vuol dire che anche se i pacifisti nei telegiornali vengono chiamati disobbedienti "io capisco lo stesso e non mi freghi". Mi piacciono le bandiere perché se ai balconi di un condominio ce ne sono 5 e ad un altro 1, quella bandiera vale per 10 e in totale ce ne sono 15. Mi piacciono le mollette perché ci puoi pinzare la coda del gatto (che ti graffia e te lo meriti), chiudere il sacchetto dei biscotti (che tanto non serve perché li finisco subito), appendere ad asciugare un disegno fatto con le tempere (chi sa dipingere), fermare la tenda del balcone (la mia vicina), appendere la bandiera dell'arcobaleno (tutti).


   

home | chi siamo | rivista | libri | corsi | archivio | blog | scrivici

 

© Copyright 2005 Comunico sas - Tutti i diritti riservati Web hosting e web design by Graffiti2000.com